Ecco il nostro calcolatore di IMC (Indice di Massa Corporea). Un calcolatore che vi darà una rapida idea del vostro stato di sottopeso o sovrappeso.

Calcolatore dell’Indice di Massa Corporea

Calculadora IMC

Tu IMC personal es

Tu IMC

Bajo de Peso
Normal
18.5 - 24.9
Sobrepeso
25 - 29.9
Obesidad
30 - 39.9
Obesidad morbida
> 40

Inserite questa calcolatrice nel vostro sito web… GRATIS!

Questa calcolatrice è disponibile per chiunque voglia utilizzarla sul proprio sito web.

È completamente gratuito.

Cliccate su “share tool” e incollate il codice nel vostro sito web (assicuratevi di incollarlo come codice e non come testo semplice, altrimenti non funzionerà).

Che cos’è l’indice di massa corporea?

“BMI” sta per “Indice di Massa Corporea”. Il BMI è stato sviluppato nel 1832 da un matematico belga di nome Lambert Adolphe Jacques Quetelet.

Ha sviluppato la scala BMI per stimare rapidamente il grado di sovrappeso e obesità in una determinata popolazione, al fine di aiutare i governi a decidere dove allocare le risorse sanitarie e finanziarie.

È interessante notare che Quetelet sosteneva che l’IMC non era utile per studiare individui specifici, ma per fornire un’istantanea della salute generale di una popolazione. Tuttavia, è ampiamente utilizzato per misurare la salute degli individui. E questo, come vedremo, può essere problematico.

La scala BMI si basa su una formula matematica che determina se una persona ha un peso “sano” dividendo il suo peso in chilogrammi per la sua altezza in metri al quadrato:

IMC = peso (kg) / altezza (m2)

In alternativa, l’IMC può essere calcolato dividendo il peso in chili per l’altezza in pollici al quadrato e moltiplicando per 703:

IMC = (peso (libbre) / altezza (in2)) x 703

Potete anche utilizzare un calcolatore di IMC online, come quello che vi forniamo.

Una volta calcolato l’IMC, questo viene confrontato con la scala dell’IMC per determinare se si rientra nell’intervallo di peso “normale”. Ecco la tabella:

IMCSignificatoRischio per la salute
Meno di 18,5Peso bassoAlto
18,5-24,9Peso normaleBasso
25,0-29,9SovrappesoDa basso a moderato
30,0-34,9Classe obesa I (moderatamente obesa)Alta
35,0-39,9Classe obesa II (molto obesa)Molto alta
40 o piùClasse di obesità III (estremamente obesa)Estremamente alta

Sulla base di questo calcolo, un professionista della salute può suggerire modifiche alla salute e allo stile di vita se non si rientra nella categoria del peso “normale”.

Alcuni Paesi hanno adottato questa scala di IMC per rappresentare meglio le dimensioni e l’altezza delle loro popolazioni. Ad esempio, è stato dimostrato che gli uomini e le donne asiatici hanno un rischio maggiore di malattie cardiache con un IMC inferiore rispetto ai non asiatici.

Sebbene questo possa fornire all’operatore sanitario un’istantanea della salute di una persona in base al suo peso, non tiene conto di altri fattori come età, sesso, razza, genetica, massa grassa, massa muscolare e densità ossea.

Ecco perché insistiamo sul fatto che bisogna fare attenzione all’IMC.

L’indice di massa corporea è un buon predittore di salute?

L’indice di massa corporea (BMI) è uno strumento standard di valutazione della salute nella maggior parte delle strutture sanitarie.

Sebbene sia stata utilizzata per decenni come misura della salute basata sulle dimensioni del corpo, è stata ampiamente criticata per la sua eccessiva semplificazione di ciò che significa essere in salute.

In realtà, molti sostengono che il BMI sia obsoleto e impreciso e che non dovrebbe essere utilizzato nelle strutture mediche e di fitness.

Nonostante ciò, se usato con attenzione e con alcuni presupposti chiari, il BMI è un buon parametro per conoscere lo stato di salute di una persona normale e i rischi per la salute che corre.

Sebbene a livello teorico e in casi specifici si possa affermare che l’IMC non è un buon strumento, il fatto è che la maggior parte degli studi dimostra che il rischio di malattie croniche e di morte prematura aumenta con un IMC inferiore a 18,5 (“sottopeso”) o superiore a 30,0 (“obeso”).

Ad esempio, uno studio retrospettivo del 2017 su 103.218 decessi ha rilevato che le persone con un IMC pari o superiore a 30,0 (“obese”) avevano un rischio di morte da 1,5 a 2,7 volte superiore dopo un follow-up di 30 anni.

Un altro studio condotto su 16.868 persone ha dimostrato che coloro che rientravano nella categoria di IMC “obeso” avevano un rischio di morte per tutte le cause e per malattie cardiache superiore del 20% rispetto a coloro che rientravano nella categoria di IMC “normale”.

I ricercatori hanno anche scoperto che i soggetti appartenenti alla categoria “sottopeso” e alle categorie “gravemente obesi” o “estremamente obesi” sono morti in media 6,7 anni e 3,7 anni prima, rispettivamente, rispetto a quelli appartenenti alla categoria di IMC “normale”.

Altri studi hanno dimostrato che un IMC superiore a 30,0 inizia ad aumentare significativamente il rischio di problemi di salute cronici come il diabete di tipo 2, le malattie cardiache, le difficoltà respiratorie, le malattie renali, la malattia del fegato grasso non alcolica e i problemi di mobilità.

Inoltre, una riduzione del 5-10% dell’IMC di una persona è stata associata a una diminuzione dei tassi di sindrome metabolica, malattie cardiache e diabete di tipo 2.

Poiché la maggior parte delle ricerche mostra un aumento del rischio di malattie croniche nelle persone affette da obesità, molti professionisti della salute possono utilizzare l’IMC come un’istantanea generale del rischio di una persona.

Questo perché, sebbene esistano casi specifici in cui l’IMC non è utile, nella maggior parte dei casi è utile. Ma allora… Chi non dovrebbe utilizzare l’IMC come strumento di previsione del rischio per la salute? Ne parleremo più avanti. Per ora analizziamo tutti gli svantaggi del BMI.

Svantaggi del BMI

Nonostante le ricerche che associano un IMC basso (inferiore a 18,5) e un IMC alto (30 o più) a maggiori rischi per la salute, vi sono numerosi difetti nel suo utilizzo. Vediamo i più comuni:

Non tiene conto di altri fattori di salute

L’IMC risponde solo “sì” o “no” alla domanda se una persona ha un peso “normale”, senza tenere conto di età, sesso, genetica, stile di vita, storia medica o altri fattori.

Affidarsi al solo IMC può far trascurare altre importanti misure di salute, come il colesterolo, la glicemia, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e i livelli di infiammazione, e sovrastimare o sottostimare il reale stato di salute di una persona.

Inoltre, sebbene la composizione corporea di uomini e donne vari – gli uomini hanno più massa muscolare e meno massa grassa delle donne – l’IMC utilizza lo stesso calcolo per entrambi i gruppi.

Va inoltre notato che, con l’avanzare dell’età, la massa grassa aumenta naturalmente e la massa muscolare diminuisce. Numerosi studi hanno dimostrato che un IMC più elevato, compreso tra 23,0 e 29,9, negli adulti più anziani può proteggere dalla morte prematura e dalle malattie.

Infine, il semplice utilizzo del BMI per determinare lo stato di salute di una persona ignora altri aspetti della salute, come il benessere mentale e complicati fattori sociologici come il reddito, l’accesso a cibi nutrienti e a prezzi accessibili, le competenze e le conoscenze in materia di alimentazione e l’ambiente di vita.

Supponiamo che tutti i pesi siano uguali

Anche se un chilo o un chilo di muscolo pesa come un chilo o un chilo di grasso, il muscolo è più denso e occupa meno spazio. Pertanto, una persona molto magra con una grande massa muscolare può risultare più pesante sulla bilancia.

Ad esempio, una persona di 97 kg e alta 175 cm ha un IMC di 29,5, che la classifica come “sovrappeso”.

Tuttavia, due persone della stessa altezza e dello stesso peso possono apparire completamente diverse. Uno può essere un culturista con una grande massa muscolare, mentre l’altro può avere una maggiore massa grassa.

Se si prende in considerazione solo il BMI, è facile classificare erroneamente una persona come “sovrappeso” o “obesa” nonostante la sua scarsa massa grassa. Pertanto, oltre al peso, è importante considerare la massa muscolare, grassa e ossea di una persona.

Per dare un’idea, tutti i bodybuilder sono considerati obesi nel calcolo dell’IMC. Ma non sono esattamente ciò che abbiamo in mente quando pensiamo a una persona obesa, vero?

Non tiene conto della distribuzione del grasso

Sebbene un IMC più elevato sia associato a risultati peggiori in termini di salute, anche la localizzazione del grasso è un elemento da considerare.

Le persone con grasso accumulato intorno alla zona dello stomaco hanno un rischio più elevato di malattie croniche rispetto a quelle con grasso accumulato intorno ai fianchi, ai glutei e alle cosce.

Per esempio, in una revisione di 72 studi che hanno coinvolto i dati di oltre 2,5 milioni di persone, i ricercatori hanno scoperto che le persone con grasso nella zona dello stomaco avevano un rischio significativamente più alto di mortalità per tutte le cause, mentre quelle con distribuzione del grasso in altre parti del corpo avevano un rischio minore.

Gli autori hanno infatti sottolineato che l’IMC non tiene conto di dove viene immagazzinato il grasso nel corpo, il che può far classificare erroneamente una persona come malsana o a rischio di malattia quando, in realtà, è perfettamente sana.

Può portare a distorsioni del peso

Un professionista medico è tenuto a usare il suo miglior giudizio, il che significa che prenderà il risultato del BMI e considererà il paziente come un individuo unico.

Tuttavia, alcuni professionisti della salute utilizzano il solo IMC per misurare la salute di una persona prima di offrire raccomandazioni mediche, il che può portare a pregiudizi sul peso e a un’assistenza sanitaria di scarsa qualità.

Le persone con un IMC più elevato riferiscono più spesso che i loro medici si concentrano esclusivamente sul loro IMC, anche se l’appuntamento è per un problema non correlato. Spesso gravi problemi medici passano inosservati o vengono erroneamente considerati come problemi legati al peso.

Infatti, gli studi hanno dimostrato che più alto è l’IMC di una persona, meno è probabile che si sottoponga a regolari visite mediche per paura del giudizio, per sfiducia nell’operatore sanitario o per una precedente esperienza negativa. Questo può portare a ritardi nella diagnosi, nel trattamento e nell’assistenza, con conseguenti rischi per la salute.

Può non essere rilevante per tutte le popolazioni

Nonostante l’uso diffuso del BMI tra tutti gli adulti, potrebbe non riflettere accuratamente la salute di alcune popolazioni razziali ed etniche.

Ad esempio, numerosi studi hanno dimostrato che le persone di origine asiatica hanno un rischio più elevato di malattie croniche a punti di cut-off del BMI più bassi rispetto ai bianchi.

Infatti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sviluppato le linee guida per l’IMC dell’Asia-Pacifico, che forniscono punti di cut-off alternativi per l’IMC.

Il nostro calcolatore non funziona se si è di origine asiatica o nera (stiamo lavorando a un calcolatore che ne tenga conto).

Numerosi studi hanno dimostrato che questi punti di cut-off alternativi identificano meglio il rischio per la salute nelle popolazioni asiatiche. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confrontare questi punti di cut-off con gli asiatici americani attraverso le varie generazioni.

Inoltre, i neri possono essere erroneamente classificati come sovrappeso nonostante abbiano meno massa grassa e più massa muscolare. Questo potrebbe suggerire che il rischio di malattie croniche si verifica a un punto di cut-off dell’IMC più alto rispetto alle persone di altre razze, soprattutto tra le donne nere.

Infatti, uno studio del 2011 ha rilevato che le donne di colore sono state considerate metabolicamente sane a punti di cut-off superiori di 3,0 kg/m2 rispetto alle persone non di colore, mettendo ulteriormente in discussione l’utilità del BMI per tutti i gruppi razziali ed etnici.

Infine, basandosi esclusivamente sul BMI si ignora l’importanza culturale delle dimensioni del corpo per i diversi gruppi. In alcune culture, una maggiore massa grassa è considerata più sana e desiderabile. Gli operatori sanitari devono tenere conto di ciò che significa “salute” per ogni individuo e per la comunità in cui vive (poiché anche gli effetti psicologici possono avere un impatto sulla salute).

Dato che le decisioni importanti per la salute, come gli interventi chirurgici e la perdita di peso, si basano sull’IMC e sul peso, è importante che tutti gli operatori sanitari vadano oltre l’IMC per assicurarsi di formulare raccomandazioni incentrate sul paziente.

Chi non deve preoccuparsi dell’Indice di Massa Corporea?

Alla luce di quanto detto, possiamo concludere che l’Indice di Massa Corporea è un buon strumento, a patto che si tenga conto delle particolarità di ogni caso e dei limiti dello strumento.

In questo senso, l’IMC non è utilizzato per i bodybuilder, gli atleti di lunga durata, le donne in gravidanza, gli anziani o i bambini piccoli. Questo perché l’IMC non tiene conto del fatto che il peso è trasportato sotto forma di muscoli o di grasso.

Le persone con una massa muscolare maggiore, come gli atleti, possono avere un IMC elevato ma non un rischio maggiore per la salute. Coloro che hanno una massa muscolare inferiore, come i bambini che non hanno completato la crescita o gli anziani che possono perdere un po’ di massa muscolare, possono avere un IMC più basso senza che ciò costituisca un problema.

Durante la gravidanza e l’allattamento, la composizione corporea di una donna cambia, quindi non è appropriato utilizzare l’IMC.

Pertanto, utilizzate il nostro calcolatore di IMC con attenzione e tenendo conto di questi aspetti.

Inoltre, se siete neri o asiatici, dovreste usare il BMI con cautela (se siete neri, un BMI più alto non rappresenta un problema, mentre se siete asiatici, i rischi iniziano prima).

Alternative al BMI

Nonostante le numerose carenze del BMI, viene ancora utilizzato come strumento di screening primario perché è comodo, economico e accessibile in tutti gli ambienti sanitari.

Inoltre, come già detto, il BMI è utile se si conoscono i suoi limiti.

Tuttavia, esistono alternative all’IMC che possono essere migliori indicatori della salute di una persona, anche se ognuna di esse presenta vantaggi e svantaggi. Pertanto, alla fine è meglio utilizzare diversi strumenti e ottenere un quadro generale della situazione di una persona.

Vediamo quali sono queste alternative:

Circonferenza vita

Una circonferenza vita maggiore – superiore a 35 pollici (85 cm) nelle donne o a 40 pollici (101,6 cm) negli uomini – indica una maggiore quantità di grasso corporeo nella zona addominale, che è associata a un aumento del rischio di malattie croniche.

Vantaggi

È facile da misurare, poiché è sufficiente un metro a nastro.

Svantaggi

Non tiene conto dei diversi tipi di corpo e di corporatura.

Rapporto vita/fianchi

Un rapporto elevato (superiore a 0,80 nelle donne o a 0,95 negli uomini) indica un maggiore accumulo di grasso nella zona dello stomaco ed è associato a un aumento del rischio di malattie cardiache e croniche.

Un rapporto basso (inferiore o uguale a 0,80 nelle donne o inferiore o uguale a 0,95 negli uomini) suggerisce un maggiore accumulo di grasso nella zona dei fianchi, che è associato a una migliore salute.

Vantaggi

È facile da misurare, basta un metro a nastro e una calcolatrice.

Svantaggi

Non tiene conto dei diversi tipi di corpo e di corporatura.

Percentuale di grasso corporeo

La percentuale di grasso corporeo è la quantità relativa di grasso corporeo di una persona.

Vantaggi

Distingue tra massa grassa e massa non grassa ed è una rappresentazione più accurata del rischio per la salute rispetto al BMI.

Svantaggi

Strumenti di valutazione convenienti (come la misurazione delle pliche cutanee, l’analisi portatile dell’impedenza bioelettrica e le bilance domestiche) comportano un elevato rischio di errore.

Strumenti più accurati (come l’assorbimetria a raggi X a doppia energia, la pesata subacquea e il BodPod) sono costosi e inaccessibili a molti.

Test di laboratorio

Gli esami di laboratorio sono varie misurazioni del sangue e dei segni vitali che possono indicare il rischio di malattie croniche (ad esempio, pressione sanguigna, frequenza cardiaca, colesterolo, livelli di glucosio nel sangue, infiammazione).

Vantaggi

Questi test forniscono un esame più dettagliato della salute metabolica di una persona e non si basano esclusivamente sul grasso corporeo come misura della salute.

Svantaggi

Nella maggior parte dei casi, un singolo valore di laboratorio non è sufficiente per diagnosticare o indicare un rischio.

Indipendentemente dallo strumento di valutazione utilizzato, è importante che gli operatori sanitari non si affidino a un singolo test. Ad esempio, un operatore sanitario può misurare l’IMC e la circonferenza vita di una persona e, in caso di preoccupazione, può eseguire un esame del sangue.

In conclusione

L’indice di massa corporea (IMC) è uno strumento di valutazione della salute molto controverso, progettato per stimare la massa grassa di una persona e il rischio di malattie.

In generale, le ricerche mostrano un aumento del rischio di malattie croniche quando l’IMC supera il range “normale”. Inoltre, un IMC basso (inferiore a 18,5) è associato a una cattiva salute.

Detto questo, l’IMC non tiene conto di altri aspetti della salute, come età, sesso, massa grassa, massa muscolare, razza, genetica e storia medica. Inoltre, è stato dimostrato che il suo utilizzo come unico indicatore di salute aumenta i pregiudizi sul peso e le disuguaglianze di salute.

L’IMC può essere utile come punto di partenza, ma non deve essere l’unica misura della vostra salute. Tenetelo a mente!